Archive for the ‘Opere Pubbliche’ Category

Assemblea PRU Piazza Kolbe, gli esiti dell’incontro di lunedì 24 Gennaio

La tavola con le soluzioni planimetriche del progetto

Nuove previsioni, mediate con i Residenti

Si è svolta lunedì sera l’assemblea prevista presto l’Auditorium comunale per illustrare le nuove soluzioni progettuali del PRU in oggetto, che tanto aveva allarmato i residenti.

Dalla prima stesura, elaborata senza la condivisione del comitato e dei residenti, erano emersi diversi punti non graditi, segnalati anche durante i confronti pubblici in assemblee e commissioni consiliari, ed anche per questo è stato riaperto dal Sindaco un dialogo tra le parti che ha portato ad un positivo confronto con un miglioramento del progetto originario.

Come è cambiato il progetto dalla sua prima versione:

 Attualmente la strada d’ingresso all’area di piazza Kolbe è larga 11 metri. Il progetto iniziale ne prevedeva un restringimento dell’asse viario a 8 metri.  Ora si è arrivati alla soluzione con la strada larga 10,85 metri;

 Rispetto a quanto previsto inizialmente l’immobile sarà realizzato più a ridosso della Statale 16 , lasciando maggiore spazio alle abitazioni situate più a ovest, ma comunque aumentando il distacco dalla SS16 rispetto all’allineamento esistente (otto metri di distanza da esso);

 Inoltre il progetto rivisto prevede una fila di stalli di sosta in linea sulla Nazionale e due più ampie aree di sosta (con parcheggi perpendicolari) sul fronte Ovest, dove attualmente esiste il parcheggio;

Ai 31 parcheggi pubblici (o di uso Pubblico) già esistenti se ne aggiungeranno 15 a raso e 18 interrati.

Sono inoltre previsti degli attraversamenti in sicurezza della SS16 e del percorsi pedonali che circonderanno per intero il nuovo edificio.

Il sindaco Gaspari ha assicurato che i proventi che arriveranno nelle casse comunali grazie alla Bucalossi (circa 50mila euro) verranno utilizzati per realizzare un’opera a beneficio del quartiere. Inoltre , anche nel conto consuntivo che verrà approvato a marzo dal Consiglio, ha assicurato che  verranno indicate delle risorse da destinare al recupero dell’area verde posizionata a ovest di piazza Kolbe- Parco Cerboni.

La partecipazione alla Assemblea non è stata numerosa come la precedente e resta sempre il dubbio che il PRU e le soluzioni trovate possano non incontrare l’unanimità dei consensi ed il favore di tutti i Residenti.

E’ corretto tuttavia ricordare che il Progetto , il suo iter e la sua realizzazione sono frutto delle scelte che competono all’Amministrazione Comunale, la cui verifica di leggittimità spetta ai funzionari Tecnici del Comune e della Provincia secondo un percorso che comunque è pubblico , trasparente e del quale anche noi daremo informazioni.

Che i cittadini ed il Comitato di Quartiere si sono impegnati per portare delle modifiche ad una prima soluzione non gradita contribuendo così a formulare una seconda ipotesi che sicuramente è migliorativa della precedente aumentandone i vantaggi a favore dei residenti della zona.

 Vogliamo inoltre ringraziare chi ha contribuito alla creazione di un dialogo cui hanno partecipato tutte le figure che animano lo scenario Politico, Amministrativo e civile della nostra Comunità, partendo dai residenti tutti, l’Amministrazione Comunale ed i suoi funzionari, Il Sindaco Giovanni Gaspari, la Commissione Consiliare ed il suo Presidente Luca Vignoli, l’Amministrazione Provinciale ed i suoi funzionari, l’impresa di costruzioni SIPA, lo studio tecnico Bertolotti ed il Comitato di Quartiere Sant’Antonio .

Oggi 25 gennaio si svolgerà la Conferenza dei servizi Comune-Provincia dalla quale emergeranno gli esiti del Piano.

di seguito alcuni link ad articoli a riguardo.

Il Segnale    http://ilsegnale.net/?p=7376 

Rivieraoggi http://www.rivieraoggi.it/2011/01/25/112204/piazza-kolbe-progetto-modificato-e-ora-pare-scoppiata-la-pace/

INIZIANO I LAVORI IN VIA MONTE SAN MICHELE – Assemblea Pubblica Giovedì 13 Gennaio ore 21,15

La via di prossima manutenzione

incontro per illustrare i lavori

Sono di prossima esecuzione i lavori di sistemazione e manutenzione di via Monte San Michele.

L’Amministrazione Comunale ha ideato e finanziato la sistemazione della via, intervento richiesto da lungo tempo dai Residenti e dal Comitato di Quartiere. I lavori riguarderanno la via per tutta la sua lunghezza e consisteranno nella manutenzione del manto stradale e dei marciapiedi.

Il Comitati di Quartiere,informato dell’imminente inizio dei lavori e consapevole dei tanti quesiti che da sempre si pongono i residenti della zona, ha richiesto di effettuare una Assemblea Pubblica a cui ha invitato l’Assessore Sestri ed i tecnici Comunali che hanno seguito il progetto.

L’incontro si svolgerà giovedì 13 gennaio 2011 alle ore 21,15 presso l’Oratorio Parrocchiale di via Monte San Michele.

Il Comitato di Quartiere attiverà un dibattito ed un confronto con i Residenti, per:

  •  Illustrare le previsioni di manutenzione e modifiche migliorative di prossima esecuzione ( 2 ipotesi) progettate dall’Amministrazione ;
  • Accogliere eventuali alternative proposte dai Residenti, relative alla sistemazione . 

I Residenti sono invitati a partecipare e dare il loro contributo per una migliore riuscita dell’intervento.

Assemblea Pubblica sul Programma di Riqualificazione Urbana di Piazza Kolbe, Giovedì 28 Ott. ore 21,15 c/o Oratorio Parrocchiale

 

L'area oggetto della proposta di intervento in Zona cerboni

Nel Consiglio Comunale del 12/10/2010 è stata approvata la delibera n°86 avente per oggetto “PROMOZIONE DI PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA (PRU) AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE N.16/2005 – RIQUALIFICAZIONE AREA PIAZZA KOLBE – INDIRIZZI” . L’argomento portato in consiglio Comunale è il frutto di un percorso sviluppato dall’Amministrazione Comunale a partire dalla Delibera C.C. n° 108/2008 “Progetto Casa”,  la proposta di indire un Dialogo Competitivo disposto con Delibera di G.M. n°356 del 15/12/2009 e gli atti adottati dal Dirigente del Settore Sviluppo del Territorio ed E.L. con Detemine n° 104 del 28/01/10 , n°1040 del 13/07/2010 e n° 1181 del 10/08/2010 . La proposta in oggetto è stata presentata nella Commissione Consiliare del 06/10/2010 (a cui il Comitato di Quartiere non ha potuto partecipare).  L’intervento coinvolge aree ed immobili di privati, un fabbricato di proprietà del Comune, aree pubbliche edificabili ed a servizi destinate alla viabilità, verde e parcheggi di quartiere .

L’intervento presentato nella definitiva istanza  della Ditta proponente il 13/09/2010 , prevede la costruzione di un immobile costituito da piano interrato a Parcheggi, Piano Terra a Sede della Polizia Municipale, oltre ai piani 1, 2° e 3° destinati ad Uffici.

Il nuovo intervento prospettato, ha creato molti dubbi e perplessità tra alcuni i residenti che, per meglio comprendere l’interazione del fabbricato sulla situazione urbanistica attuale, hanno coinvolto il Comitato di Quartiere richiedendo di assumere informazioni e di promuovere una  Assemblea Pubblica dei Residenti per discutere dell’intervento e raccogliere opinioni e proposte a riguardo.

Il Comitato di Quartiere, conformemente a quanto disposto dall’art. 2 del suo Statuto, al fine di consentire un approfondimento di tale problematica come richiesto dai Residenti, ha indetto una  Assemble Pubblica Giovedì 28 Ottobre c.a. alle ore 21,15 presso l’Oratorio Parrocchiale sito in via Monte San Michele

Durante l’Assemblea i residenti interessati potranno confrontarsi sull’argomento in oggetto, visionare le proposte presentate  e valutare come la proposta progettuale vada ad interessare sui luoghi e sugli spazi di loro interesse (pubblico o privato) .

Il progetto per arrivare alla sua eventuale attuazione dovrà passare ancora attraverso una Conferenza dei Servizi con i vari enti, tra cui il Settore Urbanistica della Provincia .

E’ espressamente citato nella delibera di C.C. n° 86/2010 che “Per garantire ulteriore partecipazione dovrà essere convocata una assemblea pubblica prima della conferenza preliminare con il coinvolgimento del quartiere” .

Le indicazioni che emergeranno Giovedì sera saranno utili al confronto tra i residenti per la consapevolezza sull’intervento prospettato e per favorire l’informazione per la futura Assemblea che l’Amministrazione Comunale dovrà convocare.

Riteniamo che rispondere alle richieste di confronto e di informazione dei nostri Residenti , sia il giusto modo di promuovere la partecipazione attiva della collettività nel governo cittadino, che compete ai Comitati di Quartiere.

La Delibera C.C. n° 86 del 12/10/2010  in formato pdf  Delibera_CC_86_2010   , clicca per aprire .

Per visualizzare gli altri atti usa il link della sezione di ricerca nel sito del Comune http://www.comunesbt.it/Engine/RAServePG.php/P/295410010105

Finalmente la recinzione – Via ai lavori al parco K. Wojtyla

Hanno preso il via nei giorni scorsi i lavori di realizzazione della recinzione del parco “Karol Wojtyla” di via Lombardia, più volte in passato preso di mira dai vandali. Un’opera dunque molto attesa dai cittadini residenti nel quartiere e dal Comitato di quartiere stesso che aveva inserito l’opera come prioritaria nell’ambito delle richieste per il Bilancio partecipato.

 Si sta dunque procedendo a realizzare i muretti di sostegno della cancellata che, alla fine, risulterà alta oltre due metri (simile  a quella presente al Parco Eleonora).   La recinzione interesserà tutti e tre gli accessi al parco, su viale De Gasperi, su via Lombardia (lungo il limite attuale ) mentre su via Toscana rimarrà libera la fruizione lo spazio circostante la statua di S. Antonio di Padova e sarà delimitata la zona tra la pinetina e l’inizio del vialetto che conduce alla zona verde-giochi.

 Tutti e tre gli accessi saranno dotati di un passaggio carrabile per consentire l’ingresso dei mezzi addetti alla manutenzione del parco e di quelli di emergenza ma avranno dei cancelli indipendenti per il passaggio pedonale che verranno chiusi nelle ore notturne. Ulteriori dispositivi di protezione serviranno ad evitare che i bambini più piccoli possano autonomamente uscire dal parco.

L’intervento ha un costo che sfiora i 20.000 euro ed è eseguito dalla ditta Lupi Vincenzo di San Benedetto che dovrà terminarlo entro 45 giorni dalla consegna del cantiere.

L’importo è stato finanziato dal Capitolo del Bilancio Partecipato costituito dall’Assessore Di Francesco e  gestito dall’Assessore Sestri, mentre il progetto è stato curato dall’Arch. Di Concetto Alfredo e dal Direttore delle Aree Verdi Geom. Lanfranco Cameli e sotto la supervisione dell’Ass.re Canducci.

Questo intervento impegna un terzo circa del finanziamento richiesto e promesso per i lavori segnalati nel Dicembre 2008 in sede di Bilancio Partecipato.    La richiesta inoltrata in Comune Gennaio 2009.

L’opera è un inizio del lavoro di riqualificazione dell’area, per il quale ringraziamo l’Amministrazione, restando comunque in attesa del suo completamento, che non può non comprendere un bagno, una fontanella interna ed uno spazio sicuro (campetto attrezzato e recintato) per consentire ai bambini di giocare a calcio senza arrecare danni ai visitatori, anziani e bambini, dell’area verde.

Riteniamo che il nostro Quartiere meriti una maggiore attenzione, quanto meno non inferiore a quella riservata ad analoghe realtà della nostra città, obiettivo per il quale continuiamo e continueremo a lavorare, insieme ai nostri Residenti, proponendoci sempre in maniera propositiva e collaborativa verso l’interlocutore Pubblico .

SALVIAMO I PINI IN VIALE DE GASPERI

I pini abbattuti ed i superstiti in attesa di "esecuzione"

Mercoledì il rumore delle motoseghe ha destato il riposo dei residenti di Viale De Gasperi. Molti avranno pensato all’avvio di una fase di manutenzione, sempre desiderata alla vegetazione esistente, ma nessuno avrebbe creduto di trovare quanto accaduto. Operai incaricati dall’Amministrazione Provinciale di Ascoli Piceno avevano abbattuto i primi 6 pini di viale De Gasperi, posizionati di fronte all’ingresso del Liceo Scientifico.

Ma lo scempio non si limita a ciò. L’intervento globale prevede infatti, il taglio complessivo dei 15 pini di alto fusto, collocati sullo spartitraffico Est del Viale nel tratto prospiciente il Liceo e la loro sostituzione con 15 nuovi “alberelli”.

Il tutto conformemente ad un progetto redatto dalla Provincia, per il completamento della Scuola Superiore, autorizzato dal Settore Sviluppo del Territorio Comunale, il cui scopo è quello di sistemare l’area in questione con una pavimentazione di arredo nelle vicinanze dell’ingresso (lato Sud) e di una zona a parcheggio auto e scooter (lato Nord).

Conformemente alle leggi vigenti, l’ufficio Aree Verdi ha rilasciato il nulla Osta al loro abbattimento, riscontrando le motivazioni e le documentazioni presentate.

Il Comitato di Quartiere Sant’Antonio, al pari dei tanti residenti che hanno segnalato il caso, non era consapevole degli interventi previsti ed il Presidente Giorgio Fede unitamente al Consigliere Pierluigi Addarii si sono subito attivati presso gli uffici competenti per avere le informazioni sopra riportate e cercare eventuali soluzioni.

A tal fine si è provveduto ad informare dell’accaduto le Autorità Civiche e Provinciali con preghiera di attivazione a tutela dei 9 pini superstiti.

Tra le motivazioni che hanno “condannato” i pini alla loro decapitazione c’è sicuramente l’invasività del proprio apparato radicale che danneggia asfalti, marciapiedi e pavimentazioni, causando frequenti incidenti ai pedoni che incrementano le spese comunali con i relativi rimborsi.

E’ inutile tuttavia ricordare, precisa il Presidente del Comitato di Quartiere Giorgio Fede,  che le piante rappresentano un patrimonio indispensabile alla nostra vita, per l’ombra, l’ossigeno e quel benessere che la loro vista ci dona.

Non è ragionevole pensare che 15 arbusti possano equiparare 15 pini di alto fusto, per i quali forse valeva la pena di cercare, con un po’ di buona volontà, una soluzione sicuramente raggiungibile.

Oggi questa alternativa non è più ricercabile per i 6 grossi alberi abbattuti, antistanti il piazzale in corso di realizzazione a cui non potranno in alcun modo nuocere.

Ci sembra tuttavia possibile e doveroso trovare una soluzione per i 9 superstiti, fermando momentaneamente le motoseghe, e ragionando sull’ipotesi di rialzare l’area a parcheggio o sistemando lo spazio con una soluzione alternativa che sicuramente esiste, se si vuole trovare, magari anche con poca spesa.

Oggi (5 Agosto) non è stato possibile contattare gli uffici della Provincia, chiusi per la festività del Patrono Sant’Emidio.

Affidiamo questo suggerimento anche alla stampa per sensibilizzare tutti ad una maggiore attenzione verso il patrimonio arboreo, dichiara Fede, che, nel nostro quartiere ed in città è sempre più esiguo e pertanto meritevole di grande attenzione.

Ci auguriamo che gli amministratori siano portavoce di questa segnalazione dei Residenti e del Comitato di Quartiere, che lavorino in futuro per una maggiore condivisione, consapevoli che le decisioni spettano a tecnici ed amministratori, ma che i Residenti ed i Comitati di Quartiere se esistono, debbono svolgere il ruolo di proposta e di confronto, che non può avvenire se non attraverso un loro maggiore coinvolgimento ed informazione.

Alcuni link agli articoli dei quotidiani on-line:

http://www.rivieraoggi.it/2010/08/05/98028/%c2%absalviamo-i-pini-di-viale-de-gasperi%c2%bb/

http://www.ilmascalzone.it/2010/08/salviamo-i-pini-di-viale-de-gasperi/

http://www.ilsegnale.it/it/news/politica/3508/

Presentato il progetto di sistemazione al Parco Cerboni

La presentazione del progetto

La presentazione del progetto

Sabato 13 Marzo il Comitato di quartiere Sant’Antonio ha promosso la presentazione del progetto di sistemazione dell’area Cerboni ai Residenti, con la disponibilità dell’Amministrazione rappresentata dall’Assessore Paolo Canducci , dal Consigliere Comunale Andrea Marinucci e dei tecnici progettisti della Ditta ProMo.Ter.

L’interesse destato tra i residenti delle aree prospicienti il perimetro della ex “Fornace Cerboni”, ha prodotto una numerosa partecipazione di cittadini che si sono voluti confrontare con i relatori.

L’Assessore Canducci ha ricordato che l’importo stanziato dalla Autorità di Bacino della Regione Marche di € 156 mila è stato erogato per il solo miglioramento della sicurezza e per la tutela e del versante dal rischio Idrogeologico, motivo per cui l’intervento non può sviluppare le necessità di arredo urbano o la sistemazione di impianti sportivi o altro.

In ogni caso si tratta del primo intervento su questa importante area, donata alla cittadinanza dalla famiglia Cerboni-Rambelli, che consentirà di rendere maggiormente fruibile uno spazio che , seppur morfologicamente adagiato su un versante di circa 27mila mq.,riserva 2 ampi spazi pianeggianti, a monte (via Ustica) e a valle (P.zza Kolbe) che potranno assolvere alle necessità di svago di molti utenti.

I tempi presunti di attuazione partono dalla apertura della gara Lunedì 15 Marzo, 10gg. per la presentazione delle offerte, Venerdì 26 apertura delle “Buste con le Offerte” con individuazione dell’impresa aggiudicatrice (miglio offerente) che dovrà svolgere al più presto le opere.

Il dettaglio dei lavori è stato illustrato, con l’ausilio degli elaborati grafici, dal Dott. Agronomo Francesco Leporoni della ditta Pro. Mo.Ter “Progetto-Montagna-Territorio”che ha redatto il Progetto in staff con l’equipe di tecnici della società tra cui Geologi, Ingegneri Ambientali, Agronomi ed Architetti del Verde.

Oltre alla bonifica del territorio dalle essenze spontanee ed infestanti che hanno ricoperto l’area, saranno previste la rinaturalizzazione delle piante di Ulivo esistenti, la messa in sicurezza con nuove piantumazioni di Arbusti (ginestra, alloro, corbezzolo, lavanda, rosmarino, tamarice) e Piante (acero camp., frassino, bagolaro, albero di giuda), palificate doppie rinverdite, palizzate in legname con talee e staccionate in castagno a delimitare i sentieri e le aree.

Altra azione importante sarà ll’intervento di regimazione delle acque con l’inserimento di canalette in legname e pietrame, drenaggi sub superficiali, fossi di colletta mento e Tubazioni e pozzetti per il convogliamento delle acque meteoriche alla fognatura delle acque bianche esistenti a valle.

Si presume che i tempi di realizzazione di tali opere di bio architettura del verde, eseguite da ditte specializzate, possono essere stimati in 60 giorni.

Restano da valutare eventuali proposte delle imprese locali, operanti nel campo delle energie alternative, per la realizzazione di un’area didattica indicata come “Parco delle Energie”.

Tanti sono stati i quesiti rivolti dai residenti presenti che apprezzando l’intervento programmato, hanno raccomandato all’Amministrazione Comunale di continuare le azioni su tale Area e sul quartiere che, forse unico nella Città, non ha uno spazio attrezzato adeguatamente per i ragazzi (Campo di calcetto) e per gli anziani (campo di bocce), oltre che alla recinzione dell’area ed ai classici spazi gioco e ristoro per anziani e bambini .

Al termine dell’incontro si è anche ricordato l’Ing. Ubaldo Ulissi, prematuramente venuto a mancare, che in passato è stato uno dei primi a credere in quest’opera, avendo dato l’avvio (con l’impresa edile di Famiglia) all’urbanizzazione della zona , ed essendo stato da sempre promotore e sostenitore delle prime azioni aggregative dell’area Cerboni. Per questo motivo è stata proposta la sua menzione in una struttura del nuovo Parco.

 Il Presidente del Comitato di Quartiere, Giorgio Fede ha manifestato grande soddisfazione per questi lavori che, ha dichiarato, debbono essere un punto di partenza per il Nuovo Parco Cerboni”.  Il Comitato è disposto a fornire delle porte di Calcio da collocare in via provvisoria, in attesa di ulteriori sistemazioni, al fine di creare un primo “avamposto” per il divertimento dei ragazzi della zona.

Nei prossimi giorni, continua Fede, dovremo incontrarci anche con l’Assessore Sestri che si è reso disponibile ad individuare le risorse finanziare per le opere del progetto di recinzione (già elaborato e pronto per il finanziamento)e per la  riqualificazione del Parco K. Wojtyla chieste nel Bilancio partecipato 2009. Con l’apertura dell’area Cerboni  e con la prossima opera di recinzione del Parco Wojtyla, si creano i presupposti per la gestione di queste aree verdi, che potrà essere attuata con la costituenda Associazione del quartiere. Si cercano fin da ora cittadini di buona volontà disposti ad entrare nella nuova associazione per creare gruppo e lavorare insieme per il benessere della nostra comunità di quartiere, che possono contattare i membri del comitato o scrivere alla nostra mail info@quartieresantantonio.it .

Di seguito si riportano le immagini degli elaborati grafici di progetto .

le opere previste nell'area

le opere previste nell'area

alcuni dettagli delle opere previste

alcuni dettagli delle opere previste

la legenda e dettagli esecutivi delle opere

la legenda e dettagli esecutivi delle opere

Parco Cerboni iniziano i lavori – Incontro per illustrare le opere

una vista dello spazio verde da riqualificare

una vista dello spazio verde da riqualificare

Dopo la fase del finanziamento di 156 mila euro stanziato dalla Regione ed annunciato dall’Assesore Carrabs di cui abbiamo dato notizia in precedenza in questo sito, e conclusa la fase progettuale attuata dall’Assessorato all’Ambiente ed Aree Verdi del Comune di San Benedetto del Tronto, attraverso l’incarico espletato dalla Ditta Pro.Mo.Ter , finalmente si arriva alla fase Esecutiva.

L’inizio delle opere è previsto per la prossima estate, e sicuramente rappresentano il primo e tanto atteso intervento di un’area importante della nostro quartiere. Credo sia ragionevole pensare che tale intervento costituisca l’inizio di un processo di riqualificazione dell’area che, alla fase attuale, si riferirà alla sistemazione del verde, con particolare attenzione alla rinaturalizzazione dell’area , alla protezione delle scarpate ed alla delimitazione dei sentieri, finalizzato alla prevenzione del rischio idrogeologico del versante.

Al fine di far conoscere ai Cittadini le scelte progettuali di prossima attuazione, il Comitato di Quartiere Sant’Antonio , con la disponibilità dell’Assessore Paolo Canducci e dei tecnici progettisti del Comune Geom. Cameli Lanfranco (Direttore servizio Aree Verdi) e della ditta Pro.MoTer, organizza un incontro con i Residenti della Zona.

Sarà una importante occasione per valutare preventivamente quali interventi saranno realizzati, e aprire un confronto per il futuro sviluppo di questa importante e grande  zona, incastonata tra le case. I residenti potranno dichiarare le loro necessità (campo di calcetto o polivalente, giochi per bambini, campo di bocce per anziani, spazio aggregativo per il tempo libero, parco bau, orti di quartiere o altro..) e discutere in un confronto civile dando un contributo alla sicurezza ed al futuro sviluppo del loro quartiere.

Vi aspetto Sabato 13 Marzo alle ore 15,30 nella sede del Comitato (casetta di legno) presso il Parco K. Wojtyla, con ingresso in via Lombardia civici 9/11 .

Raccomando la partecipazione per contribuire, con le proprie idee, al miglioramento della nostra città

Attività nel Quartiere Festa dell’Albero e Fochera di Rialto

Al fine di informare delle attività svolte nel quartiere, non possiamo non ricordare che, il 21 Novembre u.s., si è svolta nel nostro parco K. Wojtyla, in concomitanza con la Festa dell’Albero, una piccola cerimonia di piantumazione.

Cerimonia di piantumazione di 7 nuovi Alberi

Alla Presenza dell’Assessore Canducci, e del Dirigente del servizio Manutenzione Ing. Laureati, sotto la Direzione del Geom. Lanfranco Cameli (responsabile servizio Aree Verdi), i giardinieri comunali hanno messo a dimora 7 nuovi alberi, che dovranno fornire nuove zone d’ombra nel nostro parco, in corrispondenza delle aree giochi. Tale intervento richiesto in precedenza dal Comitato di Quartiere e concordato con gli uffici Comunali, rientra nelle opere finalizzate ad una migliore fruizione del Parco, al quale hanno contribuito anche degli interventi di manutenzione ai giochi, avvenuti nel mese di Giugno. Il tutto precede il tanto atteso consistente intervento di Riqualificazione , promesso per il Bilancio Partecipativo dell’anno 2009, che gli Amministratori hanno annunciato in esecuzione per primavera/estate 2010. Hanno presenziato alla cerimonia una nutrita rappresentanza di bambini delle scuole elementari Sambenedettesi del 1° e 3° circolo .

Fochera di Rialto.

Si è svolta il 9 Dicembre la prevista Fochera di Rialto.

Nel suggestivo scenario del “Monte della Croce” con l’immagine della Croce illuminata in alto, e il bel panorama di San Benedetto illuminata dalle luci della notte, si è accesa la Fochera di Rialto, nel nostro quartiere.

Una numerosa rappresentanza di residenti ha invocato delle preghiere sotto la guida di Padre Pietro e dopo la Benedizione ha partecipato alla festa ed al Buffet, a base di “frittelletti”, fave, dolci, vino bevende e vin brulè messo a disposizione dagli organizzatori.

Una bella serata trascorsa tra adulti e bambini in una attività della nostra tradizione, fatta rivivere dall’impegno di alcuni nostri amici del Quartiere.

Partecipanti Fochera Rialto 2009

Padre Pietro e la Fochera

Di seguito il collegamento ad un articolo con la notizia ed una piccola galleria fotografica.

http://www.sambenedettoggi.it/2009/12/10/83863/la-notte-delle-fochere/

BILANCIO PARTECIPATIVO – L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE INCONTRA I CITTADINI

incontro pubblico 01dicembre ore 21.15

incontro pubblico 01dicembre ore 21.15

Si terrà Martedì 1 Dicembre alle ore 21,15 , presso l’Auditorium della sede Comunale di Viale De Gasperi 124, il tradizionale incontro tra Cittadini ed Amministratori, per concordare insieme le priorità delle opere da eseguire nel quartiere nel corso dell’anno 2010.

Il comitato di Quartiere ha organizzato un’incontro preparativo, al fine di individuare e concordare preventivamente le opere necessarie, ma non è stata numericamente rilevante la presenza di residenti che, armati di buona volontà, hanno lasciato le loro abitazioni, famiglie, hobby ed interessi per recarsi nella sede all’incontro programmato.

Questo dà ancora pìù onore a quanti, hanno messo la loro presenza per lavorare ed esporre problematiche di interesse comune, di cui tutti gli altri si lamentano in forma e luoghi sterili, ma senza agire in maniera fattiva alla loro risoluzione.

Il mio ringraziamento va a queste persone che hanno risposto all’informazione diffusa sul sito, in due articoli pubblicati in quotidiani locali, nella news-letter via mail o su eventi comunicati nel gruppo di facebook, oltre che nelle bacheche presenti nelle vie, nei negozi e in tante locandine affisse con moltoimpegno da chi crede ancora nella partecipazione.

A tutti gli altri resta l’opportunità di dire, “ma non sapevo… non ho letto… ho avuto da fare…ma tanto non serve a niente..” e tante altre scuse di cui l’Italico vocabolario è ricco.

Sicuramente è per questo che, altre comunità numericamente meno numerose ma evidentemente più aggregate ed attive, riescono ad avere più considerazione ed a trovare maggiori finanziamenti e risposte alle loro istanze.

Certamente San Benedetto ed il nostro quartiere non hanno problemi gravi come quelli di Scampia, sicuramente molte richieste non dovrebbero essere neanche segnalate se l’interlocutore Pubblico è attento e tempestivo, in ogni caso il livello di democrazia è direttamente proporzionale al livello di partecipazione dei cittadini alla cosa pubblica. Una triste considerazione è vedere come nelle vicende nazionali, a tutti i livelli e da qualsiasi lato dello schieramento politico, sia aumentato il senso di assuefazione al brutto, con una mancata indignazione ad azioni che nel mondo anglosassone o scandinavo farebbero urlare allo scandalo, con immediate dimissioni degli autori (nel campo politico, finanziario civile ed altro ), e tempestiva ricerca della soluzione .

Alcuni cittadini hanno segnalato il problema dell’allagamento dei sottopassi, con danno ai piani bassi e blocco della mobilità in direzione Est-Ovest. Altri le condizioni dei marciapiedi in via M. S. Michele impraticabili a disabili, anziani e passeggini o la mancanza in altre vie. Alcuni evidenziano le condizioni di incompletezza di vie nella zona collinare quali via Elba o Ustica oltre che paure e sospetti sulla sicurezza del versante collinare della zona Cerboni/ via Sicilia .

Abbiamo ancora una opportunità di dare forza alle nostre necessità ed a richiedere soluzioni ai nostri problemi di sicurezza, igiene pubblica, viabilità e sosta, ambientali, di arredo urbano e manutenzione o altro.

Partecipiamo numerosi all’incontro di martedì e diamo forza e peso alle nostre proposte.

Se precedenti richieste sono state inattuate e si ritiene di non aver avuto la giusta attenzione non tiriamoci indietro ma alziamo ulteriormente il tono delle nostre istanze, perchè la partecipazione è il pungolo della democrazia e lo stimolo ad una buona Politica amministrativa.

Ti aspetto alle 21,15 presso l’Auditorium Comunale Martedì 01 Dicembre, non mancare e dai il tuo contributo alla democrazia.

SMALTIMENTO ACQUE PIOVANE – FINALMENTE IN FUNZIONE L’IMPIANTO DI VIA LOMBROSO

Auto al "Guado"

Dopo tanta attesa si accendono le pompe della vasca di raccolta delle acque piovane realizzata in via Lombroso/Piemonte nei pressi della scuola Bice Piacentini.

Finalmente  un’opera tanto attesa va in funzione. Fin dal primo pre-collaudo del 3 luglio, il Comitato di Quartiere ha cercato informazioni sulla sua mancata attivazione, interpellando il Ciip, gli uffici Comunali, fino alla telefonata di sollecito di  giovedì con l’Ingegnere incaricato del Collaudo. Conseguentemente abbiamo proposto, all’Assessore Sestri, di chiedere al Ciip di effettuare la presa in consegna Provvisoria dell’Impianto (con relativo funzionamento) in attesa del suo collaudo definitivo .

Un ringraziamento al Sindaco per l’ultima spinta che ha reso possibile tutto ciò, non dimenticando di ringraziare quanti a vario titolo (Politici e/o Tecnici) hanno partecipato all’esecuzione di tale opera dalla sua ideazione, al finanziamento fino alla esecuzione.

Sarà alta l’attenzione di tutti nel verificarne l’efficacia ed i risultati, poiché il Quartiere Sant’Antonio è da sempre oggetto di frequenti alluvioni, nel quadrilatero Voltattorni, via Abruzzi, v.le De Gasperi/v.m. S. Michele , via Trento, con conseguenti allagamenti di fondaci, garage ed abitazioni , disagi alla circolazione e blocco dei sottopassi  ferroviari.

La speranza è che la nuova condotta di raccolta, sistemata lungo la corsia Ovest di viale de Gasperi, raccogliendo le acque piovane captate a monte del suo percorso e riversandole grazie all’impianto nel torrente acqua chiara, dia sollievo alla zona in oggetto, ed alla zona verso mare adiacenti.

Resta il rammarico per la lunga attesa e per gli ultimi 2 allagamenti, in un periodo facilmente prevedibile, che forse si sarebbero potuti evitare ma…tutto è bene quel che finisce bene .

Da questa esperienza si potranno trarre valide considerazioni per interventi futuri anche in altre zone.

Grazie anche ai cittadini che continuando a segnalare i vari problemi (alcuni decennali) hanno contribuito a mantenere alto l’interesse su un problema che nel 2009 non è più ammissibile.

Parte delle proteste raccolte e riportate hanno prodotto anche l’intervento di pulizia strade in corso in questi giorni.

Continuiamo a restare in contatto, segnalando e lavorando insieme per il nostro Quartiere.

E ora…. aspettiamo che piova!!!

 Il Presidente del Comitato di Quartiere Sant’Antonio

                                 Giorgio Fede

P.S. Per essere informati sulle notizie e le attività del Comitato di Quartiere registrate il vostro indirizzo      e-mail nel box alla destra dell’articolo, nel sito www.quartieresantantonio.it , ed invitate anche i vostri conoscenti alla registrazione.

Grazie