Archive for aprile, 2009

Il ritorno alla Partecipazione civica di una Comunità che vuole farsi sentire

Il dibattito

Il dibattito

 

Alcuni dei residenti presenti

Alcuni dei residenti presenti

 

L’assemblea convocata per la serata di giovedì 23 aprile all’oratorio parrocchiale dal comitato di quartiere “S. Antonio” per fare il punto con l’Amministrazione comunale sulle tante problematiche aperte e ascoltare dagli assessori le possibile risposte ha visto la partecipazione di un centinaio di cittadini, un numero senza dubbio rilevante se rapportato ai tassi medi di partecipazione del passato in quest’area della città. A rappresentare l’Amministrazione comunale gli assessori alla Viabilità Settimio Capriotti, all’Ambiente Paolo Canducci e ai Lavori pubblici Leo Sestri.

 

“Il Direttivo si è impegnato in tutti i modi per informare i residenti. Peccato per chi non c’era- ha commentato il presidente Giorgio Fede – ha perso l’occasione non solo di esporre le proprie opinioni in ordine alla zone in cui vive, ma soprattutto non ha potuto confrontarsi con gli altri cittadini e con gli amministratori in un dibattito che invece è risultato molto utile e soprattutto ha fornito molte informazioni utili”.

 

La serata si è aperta con l’introduzione dello stesso presidente Fede che, tra le altre cose, ha annunciato un intervento diretto del Comitato per contribuire alla manutenzione delle arre verdi, problema numero uno per la zona. A questo scopo saranno destinati i fondi dell’annuale festa di S. Antonio così come è in programma a maggio una giornata all’insegna del “rimbocchiamoci le maniche”: i cittadini saranno invitati a dare un contributo fattivo, in base alle loro possibilità di tempo e di competenze, per intervenire con piccole manutenzioni sugli arredi degli spazi verdi.

 

A tal proposito, comunque, un’ottima notizia è arrivata dall’assessore Sestri che ha annunciato lo stanziamento entro poche settimane di 60 mila euro per la messa in sicurezza degli spazi, soprattuto del parco “Wojtyla” che, com’è stato unanimemente riconosciuto, ha la necessità di una recinzione che lo preservi dai frequenti atti vandalici. Non solo: Sestri e Canducci hanno assicurato che i fondi ricavati dal Comune per la concessione dell’occupazione del suolo pubblico ad un istituto di credito per il posizionamento di sportelli bancomat nella Pinetina di viale Trieste ed in varie zone del territorio comunale saranno interamente reinvestiti in opere a servizio del verde dei quartieri e nella pineta stessa. Sestri ha anche assicurato che presto inizieranno i lavori di piccola manutenzione su strade e marciapiedi per porre rimedio almeno ai dissesti più evidenti e più volte segnalati.

 

Diverse le problematiche affrontate con l’assessore Capriotti: dalla definizione della proprietà del parcheggio antistante la Villa Anna, oggi “terra di nessuno”, allo storico tema delle aree di sosta da ubicare, è stato rilevato, fuori dal quartiere, oggi soffocato da auto dirette in centro e sempre alla ricerca di parcheggio, fino a parcheggi a pagamento del lungomare (per i quali Capriotti si è impegnato a rivedere la disciplina soprattuto in relazione alle difficoltà incontrate dai residenti con più auto in famiglia). Da molti cittadini è venuto l’invito ad osare di più in tema di interdizione al traffico del centro, “altrimenti – è stato detto – i bus navetta gratuiti rimarranno inutilizzati e la gente continuerà a dirigersi verso il centro alla ricerca di un posto auto”.

 

Il confronto con l’assessore Canducci si è incentrato sull’eterno problema delle deiezioni canine e sulla disciplina della circolazione dei cani nelle aree verdi (c’è una resistenza sindacale della Polizia Municipale a svolgere questi controlli nelle prime ore del mattino e dopo cena, nonostante il Comune, ha detto Canducci, sia in grado di incentivare economicamente questo servizio) e sulla questione dell’elettrodotto ferroviario. A questo proposito, Canducci ha spiegato che è tramontata l’ipotesi di far rientrare lo spostamento della linea elettrica che parte da via Piemonte utilizzando i fondi FAS per l’elettrificazione della linea ferroviaria Ascoli Porto d’Ascoli (la nuova centrale non potrà reggere il carico di due impianti). Così come non è percorribile, ha detto ancora l’assessore all’ambiente, la strada di consentire ad un privati di investire in cubature edilizie in cambio della risorse per spostare la sottostazione elettrica. “Questa soluzione – ha detto Canducci – semmai potrà essere percorsa nell’ambito del più ampio programma di pianificazione del territorio che stiamo portando avanti con il nuovo PRG”.

 

In dettaglio l’Assessore Sestri ha annunciato la imminente sistemazione degli asfalti in prossimità degli incroci su viale De Gasperi, la manutenzione al manto del marciapiede Ovest nel lungomare Nord nel tratto Albula – Via Virgilio, la manutenzione di almeno un lato del marciapiede di via Formentini (tratto ad est di Viale De Gasperi), pericoloso e da anni segnalato con raccolta di firme.

 

E’ stata approfondita la valutazione delle problematiche di Via Monte San Michele , marciapiedi e ristagno acque piovane che verranno  risolte ed analizzate con specifici progetti quanto prima.

 

Dei tanti argomenti trattati nel dibattito o segnalati con specifiche schede consegnate e compilate dai presenti, il comitato ha informato gli Assessori presenti che hanno assunto l’impegno ad intervenire nel più breve tempo possibile.

 

Non sono mancate segnalazioni sulle problematiche connesse alla Movida, la scarsa educazione del popolo della notte ed ai poco efficaci sistemi di controllo e repressione, sulla cui applicazione i cittadini ed il comitato vigileranno.

Giovedì 23 Aprile 2009, ore 21.15: Assemblea sulle manutenzioni ed interventi necessari nel quartiere

i pannelli informativi del quartiere nei negozi

i pannelli informativi del quartiere nei negozi

Abbiamo ricevuto una segnalazione scritte con raccolta di firme che dei nostri residenti hanno inviato al Comune (vedi articoli precedenti sul sito). Non passa giorno che non ci vengano segnalati verbalmente alcuni problemi di mancati interventi di manutenzione nel nostro territorio. E’ per questo che giovedì 23 Aprile alle ore 21,15 presso l’Oratorio Parrocchiale di via Monte San Michele  il Comitato ha organizzato  una Assemblea Pubblica sul tema “NECESSITA’  INTERVENTI DI MANUTENZIONE NELLE VARIE VIE DEL TERRITORIO DEL QUARTIERE” . Alcuni sono già oggetto di ripetute segnalazioni, altri sono nuove necessità, tutti sono argomenti a cui bisogna trovare soluzione. I cittadini ed il Comitato segnalano  e sensibilizzano  gli organi preposti ma le risposte spesso tardano ad arrivare, e a volte non si hanno risposte. Le manutenzioni alle aree verdi, alle strade, ai marciapiedi, le deiezioni canine, i rumori, i parcheggi blu, la viabilità ed il traffico sono le note dolenti con cui ci confrontiamo quotidianamente. Ci sentiamo sempre dire dagli Amministratori che le risorse sono limitate e che non esiste la tanto desiderata “Bacchetta Magica” . Siamo consapevoli che i bilanci sia pubblici che privati sono sempre più in ribasso. Pretendere una soluzione diretta a tutto è sicuramente utopico, ma il Comitato intende  raccogliere le segnalazioni dai cittadini e creare un elenco di priorità da presentare al Comune per avere una lista dei “desideri” sulla quale  iniziare a programmare i primi interventi,secondo le disponibilità di bilancio. Il Comitato riferirà sulle attività svolte fino ad oggi. Saranno invitati a partecipare anche i rappresentanti dell’Amministrazione. Spesso ci troviamo a ripetere le stesse cose, ma è importante sempre partecipare ed insistere. Una comunità attenta, vigile e partecipe potrà avere più opportunità di risposte positive. E’ fondamentale la partecipazione di tutti, vincendo la pigrizia, la disillusione e le tante cose che sempre più ci allontanano dalle istituzioni. Lamentarsi quotidianamente di tutto al bar, a scuola al parco, in strada rimane solo una azione sterile. La sede opportuna dove riportare le nostre proposte o lamentele, in maniera civile e costruttiva, è nelle Assemblee di Quartiere, sede vocata all’incontro delle domande dei cittadini ed alle risposte degli Amministratori. E’ nostro dovere creare questi momenti . Chi non partecipa è responsabile del mancato corretto confronto istituzionale.

Il presente annuncio verrà affisso nelle bacheche del quartiere, oltre che in appositi spazi creati ed installati nei punti vendita più frequentati (vedi foto), sarà inviato via mail con la nostra Newsletter, comunicato al nostro gruppo di Facebook e sarà inviato agli organi di stampa cittadini.  Diamo forza alle nostre idee con una grossa partecipazione  e rappresentiamo con decisione le nostre necessità. Se non mettiamo tutte le nostre facce unite alle nostre richieste, le necessità della nostra collettività saranno solo sciocche lamentele di pochi .

Ai cittadini di buona volontà chiediamo di stampare l’avviso sotto riportato ed esporlo nelle bacheche dei propri condomini.

Locandina Assemblea

leggi gli articoli dei quotidiani on line

http://www.ilquotidiano.it/articoli/2009/04/19/97009/assemblea-al-quartiere-santantonio

http://www.sambenedettoggi.it/2009/04/20/71808/assemblea-pubblica-al-quartiere-sant%e2%80%99antonio/

Guarda il video del servizio di nuova TVP su You Tube

E’ Primavera e nella Pinetina sboccia un bel……”Bancomat !!!”

Pinetina Viale Trieste Via Zara

Pinetina Viale Trieste Via Zara

Riceviamo e pubblichiamo una lettera inviataci dai nostri Concittadini Residenti nella zona del Lungomare – via Trento sui problemi dell’area verde “Pineta Viale Trieste – via Zara “.

 

 

 

Quando la realtà supera di gran lunga la fantasia

 

C’è una piccola Pineta nella nostra città, dove l’erba è soffocata dagli aghi di pino, dove i pini non ricevono potature e manutenzioni da almeno 5 anni, dove gli anziani camminano con difficoltà tra marciapiedi dissestati, dove le piante cadute non vengono rimpiazzate, dove le panchine non sono sicure, dove i cani, nonostante i cartelli di divieto, vengono portati dai loro padroni a fare i propri bisogni (tanto non incorrono in nessuna sanzione, non c’è controllo), dove in estate bivaccano venditori abusivi extracomunitari, dove l’impianto di illuminazione non è mantenuto in efficienza, dove le notti d’estate parcheggiano le auto, dove i frequentatori della movida vengono a scaricare le loro vesciche (poiché nel lungomare e nei Bar degli stabilimenti balneari non ci sono servizi sufficienti per le centinaia di fruitori), dove i bambini giocano guardinghi sia per i bisogni dei cani, sia per quelli del popolo della notte, sia per il continuo passaggio di automezzi in spazi non recintati e carrabili. Non stiamo descrivendo un’area verde di una periferia degradata di una insignificante città dell’entroterra, ma della parte centrale del nostro lungomare, sicuramente tra i più belli d’Italia, in uno dei più importanti centri turistici della Regione Marche.

I residenti chiedono da anni interventi migliorativi, partendo dalle manutenzioni ordinarie, ad interventi di regolamentazione e riqualificazione, di uno spazio verde storico donato al Comune, tra i più vecchi della città, che dalla sua creazione ad oggi ha subito un lento e costante degrado e disinteresse. 

Il 31 marzo 2009… si vedono arrivare degli operai con tanto di camion, piccolo escavatore e attrezzi vari, in noi residenti si accende un lume di speranza. Sono venuti a potare le piante, a sistemare i giochi, o forse l’illuminazione, vuoi vedere che sistemano i marciapiedi o fanno la recinzione che chiediamo da anni.

Mossi da curiosità chiediamo alle maestranze presenti, desiderosi di sapere a quale delle tante nostre richieste gli amministratori hanno pensato di dare risposta.

…Non avremmo mai osato immaginare che, in uno spazio pubblico adibito a verde,  la storica Pinetina tra il lungomare Trieste e via Zara avessero concesso ad un istituto di credito di costruire, con tanto di basamento in cemento ed allacci alle utenze, un box per ospitare una postazione Bancomat! Veramente fantasia!

Di tutte le richieste dei cittadini nessuno si è preso cura, ma alla istanza di un istituto bancario, l’Amministrazione ha pensato bene di individuare su oltre 5 chilometri di lungomare, non un piazzale, non un’area non attrezzata, ma una delle rare aree verdi attrezzate, (male ma comunque attrezzate) .

Dicono che in cambio l’azienda verserà un canone il cui utilizzo sicuramente non sarà destinato alla cura della stessa area.  

Tutto ciò ci offende, ci umilia e fa crescere in tutti noi un senso di rabbia indescrivibile, per l’arroganza di tali scelte, fatte in assenza di regolamenti sull’uso delle aree pubbliche, in contrasto con le destinazioni delle aree di piano Regolatore, e quel che peggio in completo menefreghismo nei confronti dei cittadini, residenti e non dimentichiamo “contribuenti” le cui richieste rimangono da anni disattese.

Ci auguriamo che i nostri Amministratori, i Funzionari Comunali, i rappresentanti del Comitato di Quartiere, le Associazioni Ambientaliste e Cittadine si attivino immediatamente per sospendere l’esecuzione di tale opera, rimuovere il cemento dal nostro verde e ripristinare l’area all’uso a cui è adibita. Chiediamo che il Comitato di quartiere indica immediatamente una assemblea tra i Residenti e gli Amministratori per il destino di tale zona.

Qui sta morendo il verde, il senso civico, la partecipazione e la democrazia.

 

I cittadini di via Trento, Viale Trieste e vie limitrofe. Segue Firme raccolte 

 

 

Risposta : Come richiestoci organizzeremo una assemblea pubblica per discutere di questi e d altri problemi.  L’Assesore competente contattato, ha anticipato che in giunta si è deciso di devolvere tali importi alla cura delle aree Verdi . Partecipate all’Assemblea per fare le vostre domande ed avere risposte.

alleghiamo l’articolo pubblicato sul quotidiano on line Sambenedettoggi

http://www.sambenedettoggi.it/2009/04/09/71274/%c2%abla-pineta-e-nel-pieno-degrado-tranquilli-abbiamo-il-bancomat%c2%bb/

ZONA CERBONI – ANNUNCIATA LA CREAZIONE DEL NUOVO PARCO

una vista dello spazio verde da riqualificare

una vista dello spazio verde da riqualificare

il Sindaco Gaspari e gli Assessori Carrabs e Canducci
il Sindaco Gaspari e gli Assessori Carrabs e Canducci

Il giorno 01 Aprile 2009 , in una conferenza stampa tenutasi in Comune, dagli assessori Gianluca Carrabs della Regione Marche e Paolo Canducci, del Comune di San Benedetto del Tronto, insieme al sindaco della citta`, Giovanni Gaspari è stata annunciata la imminente sistemazione dell’Area Cerboni. Per il Comitato di Quartiere era presente il Presidente Giorgio Fede .Un progetto ambizioso che se attuato, vedra` la nascita di un parco urbano di circa 27mila metri quadrati all’interno di un’area del nostro quartiere tra i più densamente abitati. L’assessore Canducci ha manifestato l’intenzione di  creare un parco delle energie alternative, installando in accordo con imprese produttrici locali,  piccoli impianti eolici per farli visitare  e studiare agli studenti delle scuole, con funzioni dimostrative e didattiche. I primi interventi sull’area ha precisato Canducci saranno la messa in sicurezza delle scarpate in frana, la bonifica da residui ferrosi e materiali vari, la sistemazione del verde, il recupero di tutte le piante di olivo esistenti e la realizzazione di un sentiero’. Il progetto e` nato da una proposta con il precedente Governo nazionale, (che aveva previsto 500mila euro per la riforestazione dell’area) , poi oggetto di tagli successivi.  ‘La Regione Marche ‘ ha detto Carrabs ‘ nel riprendere il progetto proporrà un finanziamento di 150mila euro per la realizzazione di un programma di prevenzione idrogeologica della zona dove e` possibile il verificarsi di una frana da scivolamento del materiale. L’opera prevista coniuga la manutenzione del territorio, la  prevenzione dei disastri e nel contempo costituisce una  importante azione per la riqualificazione urbana con opere di ingegneria naturalistica a basso impatto ambientale . Il Comitato di quartiere accoglie con piacere la notizia, che già era stata indicata nei nostri programmi . Finalmente verrebbero realizzate le volontà che erano state espresse nel lascito testamentario Cerboni-Rambelli a favore della nostra comunità. Apprezzabile  l’idea del parco delle energie e dell’anfiteatro. Rendiamo da subito all’Amministrazione Comunale la nostra disponibilità per la collaborazione e la condivisione delle proposte progettuali  con i residenti ed il quartiere. Proponiamo anche lo studio di fattibilità per un campetto sportivo polifunzionale  ed un percorso vita-jogging.  Il nostro quartiere è l’unico a non avere un’impianto sportivi per i ragazzi. L’Assessore Canducci ha ipotizzato tempi brevi per la realizzazione che in situazioni di interventi analoghi non è andata oltre i due -tre mesi. Finalmente una buona notizia per il nostro territorio, ci  auguriamo  che ne seguiranno altre.  A nome del Comitato di quartiere Sant’Antonio ringrazio chi si è prodotto per sollecitare questo importante finanziamento che dovrà essere erogato e per il quale si attende l’atto del Dirigente Regionale Competente. Al termine di questo iter si renderà disponibile alla città un nuovo spazio verde fruibile anche in autonomia dai bambini residenti ad ovest della s.s.16 . Il Comitato seguirà con interesse le varie fasi del procedimento sarà disponibile, propositivo e vigile per il buon andamento delle opere. Continuate a seguirci , su questo sito avrete ulteriori notizie in merito. 

Di seguito si riportano dei link a siti istituzionale e di quotidiani che citano la notizia:

http://www.regione.marche.it/Home/Settori/Comunicazione/ComunicatiStampa/Comunicato/tabid/229/Default.aspx?IdNews=17094

http://www.corriereadriatico.it/articolo.aspx?varget=831685

http://www.sambenedettoggi.it/2009/04/01/70817/zona-cerboni-un-parco-al-posto-del-degrado/