Posts Tagged ‘Parco K. Wojtyla’

Presentato il progetto di sistemazione al Parco Cerboni

La presentazione del progetto

La presentazione del progetto

Sabato 13 Marzo il Comitato di quartiere Sant’Antonio ha promosso la presentazione del progetto di sistemazione dell’area Cerboni ai Residenti, con la disponibilità dell’Amministrazione rappresentata dall’Assessore Paolo Canducci , dal Consigliere Comunale Andrea Marinucci e dei tecnici progettisti della Ditta ProMo.Ter.

L’interesse destato tra i residenti delle aree prospicienti il perimetro della ex “Fornace Cerboni”, ha prodotto una numerosa partecipazione di cittadini che si sono voluti confrontare con i relatori.

L’Assessore Canducci ha ricordato che l’importo stanziato dalla Autorità di Bacino della Regione Marche di € 156 mila è stato erogato per il solo miglioramento della sicurezza e per la tutela e del versante dal rischio Idrogeologico, motivo per cui l’intervento non può sviluppare le necessità di arredo urbano o la sistemazione di impianti sportivi o altro.

In ogni caso si tratta del primo intervento su questa importante area, donata alla cittadinanza dalla famiglia Cerboni-Rambelli, che consentirà di rendere maggiormente fruibile uno spazio che , seppur morfologicamente adagiato su un versante di circa 27mila mq.,riserva 2 ampi spazi pianeggianti, a monte (via Ustica) e a valle (P.zza Kolbe) che potranno assolvere alle necessità di svago di molti utenti.

I tempi presunti di attuazione partono dalla apertura della gara Lunedì 15 Marzo, 10gg. per la presentazione delle offerte, Venerdì 26 apertura delle “Buste con le Offerte” con individuazione dell’impresa aggiudicatrice (miglio offerente) che dovrà svolgere al più presto le opere.

Il dettaglio dei lavori è stato illustrato, con l’ausilio degli elaborati grafici, dal Dott. Agronomo Francesco Leporoni della ditta Pro. Mo.Ter “Progetto-Montagna-Territorio”che ha redatto il Progetto in staff con l’equipe di tecnici della società tra cui Geologi, Ingegneri Ambientali, Agronomi ed Architetti del Verde.

Oltre alla bonifica del territorio dalle essenze spontanee ed infestanti che hanno ricoperto l’area, saranno previste la rinaturalizzazione delle piante di Ulivo esistenti, la messa in sicurezza con nuove piantumazioni di Arbusti (ginestra, alloro, corbezzolo, lavanda, rosmarino, tamarice) e Piante (acero camp., frassino, bagolaro, albero di giuda), palificate doppie rinverdite, palizzate in legname con talee e staccionate in castagno a delimitare i sentieri e le aree.

Altra azione importante sarà ll’intervento di regimazione delle acque con l’inserimento di canalette in legname e pietrame, drenaggi sub superficiali, fossi di colletta mento e Tubazioni e pozzetti per il convogliamento delle acque meteoriche alla fognatura delle acque bianche esistenti a valle.

Si presume che i tempi di realizzazione di tali opere di bio architettura del verde, eseguite da ditte specializzate, possono essere stimati in 60 giorni.

Restano da valutare eventuali proposte delle imprese locali, operanti nel campo delle energie alternative, per la realizzazione di un’area didattica indicata come “Parco delle Energie”.

Tanti sono stati i quesiti rivolti dai residenti presenti che apprezzando l’intervento programmato, hanno raccomandato all’Amministrazione Comunale di continuare le azioni su tale Area e sul quartiere che, forse unico nella Città, non ha uno spazio attrezzato adeguatamente per i ragazzi (Campo di calcetto) e per gli anziani (campo di bocce), oltre che alla recinzione dell’area ed ai classici spazi gioco e ristoro per anziani e bambini .

Al termine dell’incontro si è anche ricordato l’Ing. Ubaldo Ulissi, prematuramente venuto a mancare, che in passato è stato uno dei primi a credere in quest’opera, avendo dato l’avvio (con l’impresa edile di Famiglia) all’urbanizzazione della zona , ed essendo stato da sempre promotore e sostenitore delle prime azioni aggregative dell’area Cerboni. Per questo motivo è stata proposta la sua menzione in una struttura del nuovo Parco.

 Il Presidente del Comitato di Quartiere, Giorgio Fede ha manifestato grande soddisfazione per questi lavori che, ha dichiarato, debbono essere un punto di partenza per il Nuovo Parco Cerboni”.  Il Comitato è disposto a fornire delle porte di Calcio da collocare in via provvisoria, in attesa di ulteriori sistemazioni, al fine di creare un primo “avamposto” per il divertimento dei ragazzi della zona.

Nei prossimi giorni, continua Fede, dovremo incontrarci anche con l’Assessore Sestri che si è reso disponibile ad individuare le risorse finanziare per le opere del progetto di recinzione (già elaborato e pronto per il finanziamento)e per la  riqualificazione del Parco K. Wojtyla chieste nel Bilancio partecipato 2009. Con l’apertura dell’area Cerboni  e con la prossima opera di recinzione del Parco Wojtyla, si creano i presupposti per la gestione di queste aree verdi, che potrà essere attuata con la costituenda Associazione del quartiere. Si cercano fin da ora cittadini di buona volontà disposti ad entrare nella nuova associazione per creare gruppo e lavorare insieme per il benessere della nostra comunità di quartiere, che possono contattare i membri del comitato o scrivere alla nostra mail info@quartieresantantonio.it .

Di seguito si riportano le immagini degli elaborati grafici di progetto .

le opere previste nell'area

le opere previste nell'area

alcuni dettagli delle opere previste

alcuni dettagli delle opere previste

la legenda e dettagli esecutivi delle opere

la legenda e dettagli esecutivi delle opere

Ennesimo atto vandalico al nostro Parco K. Wojtyla.

Ecco cosa resta del gioco dopo l'incendio.

Ecco cosa resta del gioco dopo l'incendio.

Un nuovo, grave atto vandalico ha colpito il parco “K. Wojtyla” nella serata di venerdì scorso 18 dicembre.

I soliti idioti hanno incendiato una struttura per il gioco dei bambini che è andata praticamente distrutta. Hanno con cura scelto una delle poche parti infiammabili del gioco, un grande tubo di materiale plastico che rappresentava il grande divertimento per tantissimi bimbi che amavano nascondersi al suo interno. Sembra che tra i residui siano state trovate pagine di un libro, probabilmente usato per alimentare le fiamme.

Sul posto sono intervenuti due automezzi dei Vigili del Fuoco e una pattuglia della Polizia di Stato che hanno provveduto, una volta spento l’incendio, a transennare l’area colpita.

Va sottolineato che il fatto è avvenuto non a notte fonda, ma alle 19,40, a conferma dell’estrema vulnerabilità dell’area.Un fatto analogo si era verificato un paio di anni fa, sempre con l’incendio di una struttura ludica, ma sono innumerevoli gli episodi di vandalismo che si registrano con impressionante frequenza.

Il Comitato di quartiere ritiene che sia giunta ormai l’ora che l’Amministrazione comunale dia attuazione ad un impegno assunto ormai tre anni fa e puntualmente rinnovato ad ogni assemblea per il bilancio partecipato, e cioè che si metta finalmente mano alla realizzazione della recinzione dell’intera area, analogamente a quanto fatto per altri più fortunati spazi verdi cittadini, tale da assicurarne la chiusura durante le ore serali e notturne.

A conti fatti, se si considerano tutte le spese sostenute finora dal Comune per riparare i danni alle strutture del parco, esse potrebbero avvicinarsi al costo che si dovrebbe sostenere per realizzare la recinzione.